Qrcoding, novità giapponese importata in Italia

Questo quadratino che vedete sopra è l’ url del blog contratto in immagine, i cellulari giapponesi di ultima generazione leggono questi quadratini risparmiando all’ utente la fatica di scrivere un lungo url con la tastierina del cell. Bene, io oggi vi dirò come avere tutta questa tecnologia sul vostro cellulare

Cosa serve?

Un cellulare che supporti Java (come il mio Nokia 5200)
Pazienza (scoprirete dopo perchè)

Come si fà?

Niente di più semplice, basta scaricare questo file e inviarlo sul cellulare. Appena aperto il programma richiederà un codice, qui dovremo usare moltissima pazienza poichè dovremo collegarci a questa pagina, registriamoci, logghiamoci, scegliamo il codice per J2meQrcode e paghiamo una tazza di caffè all’ autore (cioè 1,99$) con uno dei metodi elencati per ottenere il codice che poi andremo a inserire nell’ applicazione.

Come si usa?

wow,che bella domanda. La prima voce permette di criptare un testo in codice Qr, la seconda voce permette di decodificare un Qr da file, dal web o dalla fotocamera. Tutti gli altri bottoni sono inutili quindi mandateli via… ed ecco il vostro supercell fantastico con una funzione mitica grazie al grande Ubuntubox🙂

Ma c’è dell’ altro…

Lo so che vi sto scocciando e che volete provare il programma appena installato ma aspettate e guardate qui

Mobile barcoder

un’ estensione per Firefox che trova il barcode del sito visitato, per installarla fai click sull’ icona del package

Install

4 Responses to “Qrcoding, novità giapponese importata in Italia”


  1. 1 Lazza luglio 20, 2007 alle 9:28 am

    Accidenti, mi hai battuto sul tempo! Pensa che proprio ieri ne volevo parlare.
    Comunque ti sei dimenticato di menzionare i Semacode, che sono molto simili.🙂

  2. 2 ubuntubox luglio 20, 2007 alle 12:19 pm

    Di questi semacode non ne ho sentito parlare… cmq se vuoi puoi linkare qui

  3. 3 Ivan agosto 5, 2007 alle 9:43 pm

    Ciao! Volevo chiederti una cosa: premesso che sia rimasto al quanto stupito quando ho letto che hai 12 anni e riesci a gestire in un modo diciamo “addeguato” questo blog, volevo chiederti una cosa sulla creative commons (la licenza): uno può creare (sai codice html e balle varie) una licenza sul sito della creative commons solo per indicare ai lettori della sua opera cosa possono farne oppure deve possedere direttamente i diritti e cavolate varie (anche se è lui il creatore dell’opera)????

  4. 4 ubuntubox agosto 29, 2007 alle 8:54 am

    E’ solamente una cavolata per tutelare i propri scritti dai copioni del web.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger cliccano Mi Piace per questo: